8/11/2008 N.64
NOTIZIARIO del Circolo UAAR di Bologna

UAAR - Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti - www.uaar.it
Presidenti onorari:  Laura BALBO, Carlo FLAMIGNI, Margherita HACK, Danilo MAINARDI, Piergiorgio ODIFREDDI, Pietro OMODEO, Floriano PAPI, Valerio POCAR, Emilio ROSINI, Sergio STAINO
e-mail: bologna@uaar.itsito web: www.uaar.it/bologna

1) Martedì 11 novembre, ore 21: riunione del circolo UAAR di Bologna
2) 25/10/2008, Giornata dello Sbattezzo: un successo per l'UAAR (105 adesioni a Bologna!)
3) Berlusconi si scusa: non se ne era accorto, non taglierà finanziamenti a scuole private e cattoliche
4) L'apartheid che già esiste nella scuola italiana - Lettera aperta a Famiglia Cristiana
5) "Uscire dal gregge" in libreria (e presso il nostro circolo!)
6) Riunione nazionale e regionale dei circoli UAAR
7) Esequie laiche per Gianluigi Degli Esposti
8) Record di visite al sito www.uaar.it


1) Martedì 11 novembre, ore 21: riunione del circolo UAAR di Bologna
La riunione si terrà alla Salara, via Don Minzoni 18, presso il circolo Arcigay Il Cassero.
Tra gli argomenti in discussione: resoconto riunione nazionale circoli e assemblea regionale, presentazione della petizione contro i finanziamenti all'edilizia di culto del Comune di Bologna, programmazione eventi della stagione 2008/2009 (terzo ciclo di Nessun Dogma, Darwin Day, presentazione libri,...)
Oltre ai soci, più che benvenuti anche i simpatizzanti!
Sarà inoltre possibile associarsi o rinnovare l'iscrizione per il 2009
Anticipiamo che la successiva riunione si terrà il 25 novembre, stesso luogo, stesso orario.


2) 25/10/2008, Giornata dello Sbattezzo: un successo per l'UAAR (105 adesioni a Bologna!)
Più di mille in Italia. 105 le adesioni raccolte a Bologna dal nostro circolo (numero più alto per singola provincia, davanti a Milano e Cagliari, entrambe con 87 adesioni).
In migliaia si erano già sbattezzati negli anni precedenti, in particolare tra i nostri soci: li stimiamo intorno ai diecimila, anche se le cifre ‘vere’ le può avere solo la Chiesa cattolica.
L’UAAR non si aspettava così tanti sbattezzandi in una volta sola anche perché, purtroppo, si vive in un paese in cui, se già dichiararsi pubblicamente non credente non è completamente esente da rischi, metterlo nero su bianco e confermarlo alla parrocchia è considerato molto probabilmente un sacrilegio dalla maggioranza della popolazione. Scoprire che così tanti cittadini la pensano diversamente e hanno aderito con entusiasmo al nostro invito è un’iniezione di fiducia non da poco per chi, ogni giorno, si trova a dover difendere la laicità dello Stato dagli attacchi politici e religiosi.
Grande afflusso di interessati al tavolo informativo organizzato in via Altabella dal nostro circolo.
In certi momenti c'era la coda di persone che volevano complilare il modulo per non esser più considerati dallo Stato come appartenenti alla Chiesa Cattolica.
Invitiamo alla visione dello slideshow delle immagini_della giornata


3) Berlusconi si scusa: non se ne era accorto, non taglierà finanziamenti a scuole private e cattoliche
Come già segnalato nei precedenti notiziari, continuano le manifestazioni contro la "riforma" Gelmini.
Dalla parte dell'opposizione, la ministra ombra Mariapia Garavaglia il 25/9/2008 aveva rilasciato una dichiarazione che era tutto un programma.
Così iniziava: «Ancora una volta il Santo Padre è tornato sull’emergenza educativa che gli sta tanto a cuore. Accogliamo, per quanto ci riguarda, la preoccupazione di Papa Benedetto...»
E così si concludeva: "[il governo] ha anche tolto i 60 milioni di euro che il precedente esecutivo, con il ministro Fioroni, aveva aggiunto alla quota stanziata dallo Stato per gli istituti paritari Anzi, il ministro Fioroni aveva stabilito di finanziare, oltre alle scuola materna e primaria, anche la scuola secondaria paritaria di primo grado. Il ministro Gelmini e questo governo cosa hanno fatto di ciò? Che intenzioni hanno? Dopo tanti annunci aspettiamo i fatti»
E i fatti sono arrivati. A rassicurare che le scuole private e cattoliche non subiranno i tagli indiscriminati e pesanti della scuola pubblica ci ha pensato Berlusconi, che il 5 novembre dichiara: «Cercheremo di non togliere i 134 milioni alle scuole private e cattoliche. Ho una grossa colpa, non mi ero accorto che nella Finanziaria era previsto questo taglio alle scuole private e cattoliche".
Il nostro circolo ha realizzato sul tema un volantino che invitiamo visionare e diffondere.


4) L'apartheid che già esiste nella scuola italiana - Lettera aperta a Famiglia Cristiana
Riportiamo un estratto dalla lettera aperta a Famiglia Cristiana scritta da Roberto Grendene, coordinatore del Circolo UAAR di Bologna.
(a questo indirizzo l'intero testo e i commenti del blog "UAAR Ultimissime")

Spett.le Famiglia Cristiana
[...] mi sono letto l'articolo Si dice "classi ponte" leggasi "classi ghetto" sul vostro sito internet.
[...] mentre tuonate contro future "classi ghetto" e rischio "apartheid", queste cose già ci sono, e da tempo, nella scuola italiana.
Capita ogni settimana.
Gli alunni, dai tre anni di età, per due ore la settimana (che si riducono ad una sola a partire dalla scuola media) vengono divisi in base alle scelte spirituali dei loro genitori.
Da una parte i figli di genitori cattolici o, più delle volte, di genitori che seguono la maggioranza per disinteresse o nel timore di ciò che altrimenti può capitare ai propri figli. A questi alunni viene garantita un'aula, un insegnante pagato dallo stato ma scelto dal vescovo, un programma didattico elaborato dalla CEI.
Dall'altra parte i figli di genitori atei e agnostici, di altra religione, o semplicemente genitori che ritengono fuori luogo sottoporre i propri figli (ripeto, dai tre anni di età) all'insegnamento di una religione per due ore la settimana dentro le mura scolastiche. Genitori che ritengono cioè la scuola un luogo per pensare, non per credere.
Continua a leggere


5) "Uscire dal gregge" in libreria (e presso il nostro circolo!)
Esce questo mese in libreria Uscire dal gregge. Storie di conversioni, battesimi, apostasie e sbattezzi, Luca Sossella Editore, 312 pagine, 14 euro.
Il libro, scritto da Raffaele Carcano (segretario UAAR) e da Adele Orioli (responsabile delle iniziative giuridiche UAAR) è il primo testo che tratta dell’iniziativa di maggior successo lanciata dall’associazione. Ma non è assolutamente solo questo. Infatti tra gli argomenti trattati da Uscire dal gregge troviamo anche la reale dimensione numerica delle conversioni, i motivi alla base dell’espansione storica del cristianesimo, l’ereditarietà della fede, il significato del battesimo e dell’appartenenza alla Chiesa cattolica (con le sue implicazioni giuridiche), la storia dell’apostasia, le ragioni per cui si smette di credere: questioni dibattute che trovano una risposta nel sempiterno ma attualissimo rapporto tra le religioni e il potere.
Saggio completo e interdisciplinare, sorta di manifesto con cui sia i credenti sia i non credenti sono chiamati a confrontarsi, Uscire dal gregge è un libro che non può mancare nelle biblioteche degli atei e degli agnostici.
Il nostro circolo ha a disposizione alcune copie di Uscire dal gregge. Una ragione in più per partecipare alle prossime riunioni!
Leggi la recensione nella Biblioteca del sito UAAR


6) Riunione nazionale e regionale dei circoli UAAR
Sabato 1 e domenica 2 novembre scorsi, a Rimini, si sono tenute la riunione regionale e quella nazionale dei circoli UAAR.
Alla riunione regionale erano presenti rappresentanti dei circoli di Bologna, Modena, Ravenna e Rimini, oltre a referenti per Forlì-Cesena e Reggio Emilia.
Fernando Santagata è stato confermato coordinatore regionale dell'Emilia Romagna. Tra le attività su cui si è deciso di impegnarsi a livello regionale segnaliamo: monitoraggio laico dei provvedimenti della Regione (con particolare riferimento alla legge 194 e alla presenza di "volontari" antiabortisti nei consultori), completamento della raccolta dati per la campagna oneri e azioni comuni per fermare le elargizioni di fondi pubblici per edilizia di culto, realizzazione di un video da proporre ai "programmi dell'accesso" di RAI 3, condivisione delle esperienze tra le realtà UAAR della regione, con particolare riferimento ai conferenzieri.
La riunione nazionale dei circoli UAAR ha visto la partecipazione di rappresentanti di circa 25 circoli, oltre a diversi referenti provinciali UAAR e membri del comitato di coordinamento.
Affrontati in maniera particolare gli aspetti organizzativi dell'attività dei circoli, dall'autofinanziamento ai siti web, dalle campagne informative ai modi di coinvolgere soci e simpatizzanti.
Un ringraziamento speciale al circolo di Rimini per l'ospitalità e l'organizzazione, che oltre alla riunione dei circoli ha visto la presentazione di Uscire dal gregge la sera di venerdì, la cena a Villa Verucchio la sera di sabato e proiezione del film documentario "Le regole del Vaticano" la sera di domenica.


7) Esequie laiche per Gianluigi Degli Esposti
Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa segnalazione di Daniele Patelli.
Domenica 26 ottobre, dopo una lunga agonia, è mancata una delle figure più prestigiose del giornalismo italiano: Gianluigi Degli Esposti. Ex partigiano dapprima dossettiano poi convintamente comunista fu direttore di giornali, critico musicale ed editorialista; intervistò figure di primo piano della sua epoca come l’ambasciatore inglese in Italia durante la Crisi di Suez. Nel 1977 dalle pagine del Resto del Carlino difese le ragioni del Movimento degli Studenti e ne pagò le conseguenze.[...] Fortemente laico ed agnostico ha rifiutato qualsiasi forma di benedizione religiosa o altro. Le esequie si sono svolte nella Sala d'Attesa della Certosa di Bologna in forma strettamente laica e alla presenza dei solo famigliari.

Ricordiamo che la Sala d'Attesa è il nuovo allestimento del Pantheon della Certosa di Bologna, luogo deputato ai funerali civili.
A questo indirizzo lo slideshow dell'inaugurazione della Sala d'Attesa


8) Record di visite al sito www.uaar.it
Il 27 ottobre 2008 il sito www.uaar.it ha registrato il nuovo record di visite giornaliere: secondo Google Analytics sono state 8.221.
Un confronto curioso può essere fatto con il sito del Partito Democratico.
Come l'UAAR, infatti, anche il PD aveva programmato da lungo tempo un evento importante per il 25 ottobre.
Ebbene, secondo Alexa, nella settimana che precede il 25 ottobre il sito UAAR avrebbe ricevuto circa la metà dei visitatori del sito del PD.
Ma valutando i sei mesi precedenti, è il sito UAAR ad essere leggermente davanti a quello del PD.

Ogni sabato mattina, dalle 10 alle 12, il circolo UAAR di Bologna riceve soci, simpatizzanti e cittadini che vogliano conoscere la nostra associazione e le nostre attività, esporre problemi di laicità violata, fare quattro chiacchiere sui nostri temi associativi, consultare il materiale a disposizone (riviste, libri, volantini, DVD...).
Ci trovate in via Don Minzoni 18, all'interno della Salara, storico edificio nato nei pressi del porto fluviale di Bologna per conservare il sale che giungeva dal mare attraverso il canale Navile. La Salara è sede di ArciGay e ArciLesbica nazionali. E' gestita dal circolo gay Il Cassero, che ringraziamo per l'ospitalità.
Per arrivare consultare la mappa http://www.cassero.it/map/
Negli orari di apertura, rispondiamo telefonicamente al numero: 051 555661

Se non vuoi piu' ricevere questo notiziario, rispondi a questa mail indicandocelo.
Puoi liberamente inoltrarlo a chi ritieni possa essere interessato, che per riceverlo regolarmente dovrà farne richiesta a bologna@uaar.it

--
Circolo UAAR di Bologna
www.uaar.it/bologna   bologna@uaar.it